L’aratro a chiodo

Gli aratri più antichi erano  completamente in legno e lavoravano il terreno superficialmente, senza agire in profondità. Quello a chiodo, con timone a forca e con vomere metallico orizzontale, adoperato già prima dei Romani  e degli Etruschi dalle popolazioni mediterranee, è stato usato sino all’inizio dell’800 in valle Padana e sino alla metà del secolo scorso nell’agricoltura meridionale.

Racconta Fabio Garuti

  • Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notizia dei nuovi articoli.

    Unisciti ad altri 45 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: