Enzo Masetti e i suoi Canti

All’inizio di novembre Sandro Merli affidò al Museo un pacco di opuscoli, fotografie e note di Franco Rinaldi (l’autore della lunga ricerca che ha dato origine alle sezioni Il Territorio e L’Uomo). E’ un pacco prezioso: sin dalla prima occhiata capii che parte del suo contenuto potrà proficuamente alimentare la sezione dedicata alla Tradizione.

Fui innanzitutto attratto dai numerosi opuscoli e locandine raccolti da Rinaldi a Mirabello e Ferrara in occasione di manifestazioni, proiezioni e concerti  dedicati alla memoria di Enzo Masetti(1962, 1981) o al centenario della sua nascita (1893-1993). Da essi appresi che Masetti non solo fu un grande musicista di “colonne sonore”  (in assoluto uno dei primi a dedicarvisi), ma anche un appassionato raccoglitore di canti della sua terra di origine (Mirabello).  Scoprii che nel 1929 aveva pubblicato un volumetto di Canti popolari emiliani, in gran parte raccolti a Mirabello.  Ne fui intrigato e mi misi alla ricerca dell’opera. Qualche settimana più tardi ne rinvenni una copia a Roma.

La lettura del volume è molto interessante, a tratti quasi appassionante.  Ad esempio, Masetti così descrive il ritrovamento del canto della Boara:

lo udii per la prima volta nelle vastissime praterie situate tra il castello di Poggio Renatico e il villaggio di Madonna dei Boschi. Nel cielo erano i segni precursori dell’alba e già il boaro, cantando, traeva i buoi dalla stalla per l’abbeverata. Fui tanto colpito e commosso dalla bellezza della melodia che non ebbi nemmeno la presenza di spirito di prenderne nota. Non vi fu verso di convincere il boaro, un uomo assai rustico, a volemi ripetere la “stornella”, che avevo udito di sorpresa. Dovetti giocare d’astuzia ed attendere qualche giorno. Finalmente, standomi celato, potei riudire un mattino la Boara e fissarla sulla carta.  (Erano tempi in cui si riproduceva la musica scrivendola sulla carta, non registrandola!)

Ho pensato quindi di riprodurre in queste pagine i canti raccolti a Mirabello. Potete accedervi da qui.

Non sono però ancora soddisfatto, perché non sono riuscito a rintracciare alcuna loro registrazione. Sembra siano oggi totalmente dimenticati. Lancio una proposta: non c’è una corale interessata a risuscitarli e donare copia della registrazione al Museo? Gliene saremmo tutti molto grati.

Un grazie riconoscente a Sandro Merli per averci dato modo di riscoprire questi canti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notizia dei nuovi articoli.

    Segui assieme ad altri 36 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: