Presentazione

Nell’0ttobre 1980 scrissi una recensione della mostra allestita da Rinaldi, Bione e Carletti nel municipio di Mirabello su MIRABELLO, IL TERRITORIO, L’UOMO. Il ritaglio di quell’articolo è annegato nel perenne disordine del mio studio: peccato, perché forse mi avrebbe evitato la stesura di queste note.

Mi pare che il senso dell’articolo sia, per come lo ricordo io, ancora pertinente e di qualche utilità, ora che è allestito il museo di Palazzo Sessa/Aldrovandi, di cui il materiale di quella mostra costituisce il nucleo storico fondante.

L’opera appassionata di Rodolfo Soncini-Sessa ha ampliato quel materiale, riordinato i pannelli con la documentazione grafica e fotografica, portando l’insieme ad un livello di altissima leggibilità; ha definito ulteriormente i ruoli delle imprese agricole nella bonifica e trasformazione del territorio, il loro nascere e talvolta il loro declino, scanditi sempre dai rintocchi delle disastrose rotte del fiume Reno che le aveva fatte sorgere.

Con intelligenza sociologica il museo indaga anche i modi dell’abitare, la religiosità, la cultura popolare, le risorse intellettuali del territorio mirabellese. Non è poco.

La raccolta delle attrezzature agricole, dalle più elementari che non hanno mutato forma e funzione dalla loro comparsa, fino a quelle alla soglia della modernità tecnologica, racconta, in parallelo a quello storico-grafico, il percorso dell’uomo, il suo “crescere” fino ad acquisire coscienza del valore del proprio essere e affrancarsi da secoli di enormi fatiche e sofferenze. Ma quel percorso bisogna saperlo leggere.

Il museo mette ora in rete, a disposizione di tutti, una nuova versione dell’opuscolo-guida alla mostra del 1980, scritto da Rinaldi. I visitatori del museo potranno avere lo strumento per comprendere i “fatti” e i luoghi, nonché il “senso” delle raccolte, cui hanno contribuito anche prestiti privati dei cittadini, che possono sentire il museo come cosa che riguarda anche loro.

Ed è per tutti l’occasione di ricordare Franco Rinaldi, Carlo Bione, Ermanno Carletti ormai parte di quella “cronaca” (sono convinto che scrivere “storia” li avrebbe fatti sentire a disagio) che s’era smarrita ed è stata da loro ritrovata.

 23 luglio 2014

Sandro Merli

Indice

Paragrafo  seguente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notizia dei nuovi articoli.

    Segui assieme ad altri 29 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: