Pannello 9 – I termini di confine

Il termine presso la Torre da Verga

Per molti anni il problema più scabroso fu quello di definire la confina, la linea di confine tra Bologna e Ferrara. Le alluvioni del Po e i depositi fluviali del Reno rendevano difficile e incerta la lettura dei segni di riferimento esistenti e, in mancanza di una sicura segnaletica di confine e di una cartografia adeguata, l’unico modo per stabilire dove corresse la linea divisoria era ricorrere alle incerte e discordi testimonianze dei residenti. Dopo una lunga contesa, Bologna e Ferrara sentirono la necessità di concordare definitivamente una linea di demarcazione precisa, denotandola con una segnaletica pressoché inamovibile e duratura. Fin dai tempi dell’antica Roma colonne, cippi e pietre miliari segnavano le strade consolari e tale forma di demarcazione non era mai stata totalmente abbandonata; d’altra parte il macigno si presentava come l’unico materiale che desse affidamento di durata nel tempo e che potesse resistere all’impeto delle acque. Così la linea della confina fu segnalata con cippi, o termini, che recano su una faccia l’indicazione della località in cui erano collocati e su altre due, opposte tra loro, gli stemmi dei due stati.

I termini lungo la linea di confine a Mirabello

Con il passare del tempo e il mutare della situazione politica (il passaggio di Ferrara allo stato Pontificio) i termini persero di importanza e furono dimenticati. Nel secolo scorso, alcuni furono rimossi e trasportati a Sant’Agostino, a Poggio e a Madonna Boschi, dove oggi fanno parte dell’arredo delle loro piazze. Li vedete qui fotografati: alla sinistra quelli di Poggio Renatico, in alto a destra quelli di  Sant’Agostino, in basso quelli di Madonna Boschi.
Nel 1980, durante lavori di scavo alla Ghiaia, ne fu rinvenuto uno a Mirabello, che è oggi posto in Piazza  Primo Maggio.

La linea rossa, nella  carta al centro del pannello, è la linea della confina. Osservandola da vicino potrete notare tante piccole T maiuscole poste sul suo percorso. Individuano la posizione originaria dei termini. Sopra la carta, a destra, si trova un disegno, realizzato da Rinaldi, che mostra un ingrandimento della sezione centrale della confina e, in corrispondenza di ogni termine, il numero romano che lo denotava. Per quelli ritrovati sono riportati anche il nome della località che su di essi  compare.

Pannello precedente

Pannello seguente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notizia dei nuovi articoli.

    Segui assieme ad altri 28 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: