I camini di Palazzo

Cucina nuove volte2

Figura 1 – Uno dei due camini oggi esistenti a Palazzo fotografato durante il restauro

A Palazzo si sono solo due camini, con relativa canna fumaria. Può sembrare singolare, ma nessuno mai si domandò come un numero così scarso potesse soddisfare nei secoli passati le esigenze di riscaldamento dei suoi abitanti, per modeste che fossero. Il terremoto ha dato risposta a questa domanda che mai fu formulata.

Molte delle fratture verticali (Figura 2) che si sono aperte nelle murature portanti del Palazzo a seguito della scossa sismica del maggio 2012 sono infatti risultate corrispondere a camini chiusi con semplici tamponature (Figure 3-4) e alle relative canne fumarie tuttora esistenti. Il loro numero è notevole (rettangoli rossi in Figura 5) e corrisponde a un camino per ogni stanza esistente ai tempi del cardinale Aldrovandi (Figura 6), con l’esclusione solo della loggia passante e della cappella che evidentemente non erano riscaldate.

IMG_2901

Fig. 2 – Una frattura verticale prodotta dal sisma nella stanza B di Fig. 5

IMG_2892

Fig. 3 – La canna fumaria trovata in corrispondenza della frattura in figura 2

IMG_2762

Fig. 4 – Bocca di camino e canna fumaria rinvenuta nella stanza A di Fig. 5

Palazzo piano primo camini

Fig. 5 – La pianta attuale del primo piano di Palazzo e i camini che sono stati individuati (rettangoli rossi) a seguito del terremoto

E:MirabelloVilla piano primo Model (1)

Fig. 6 – I camini di Palazzo (rettangoli rossi) e la pianta planimetria esistente al tempo del cardinale Aldrovandi

Annunci
Comments
One Response to “I camini di Palazzo”
  1. Bruno Zuech ha detto:

    Complimenti per il vostro museo, che intendo visitare a breve.
    Per quanto riguarda la presenza di camini, questi costituiscono una interruzione dei maschi murari che risultano più corti e inevitabilmente più sollecitati rispetto al muro intonso. Di qui una fragilità che si manifesta con le vibrazioni; inoltre spesso per effetti del riscaldamento da fiamma le malte risultano cotte, con scadimento delle caratteristiche meccaniche. Non si dovrebbero mai posizionare vicino a finestre o a incroci delle murature.
    Osservando le vostre foto ho notato che la ricostruzione è stata effettuata con la tecnica del cuci scuci.
    Perchè non è stata utilizzata una retina contenitrice nell’intonaco?
    Perchè non avete ricostruito la zona utilizzando greche nei giunti orizzontali come nelle murature armate?

    Cordialmente
    ing. Bruno Zuech

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notizia dei nuovi articoli.

    Segui assieme ad altri 37 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: