Il restauro della torre campanaria a vela

Foto 1 - La facciata principale di Palazzo Sessa-Aldrovandi con la torre campanaria a vela

Foto 1 – La facciata principale di Palazzo Sessa-Aldrovandi con la torre campanaria a vela

Il sisma ha avuto una dinamica ondulatoria-sussultoria che ha danneggiato e reso pericolante la torre campanaria a vela (foto 1), alta circa sei metri, che contiene l’orologio e la cella campanaria. La combinazione dei due moti ha prodotto un’azione torsionale, che ha fatto ruotare su stesso il pilastro di destra del campanile e fuoriuscire di circa nove centimetri la parte superiore del pilastro di sinistra dalla sua base (foto 2 e linee verdi tratteggiate in disegno 6a).

IMG_2766

Foto 2 – La torsione della torre vista dalla parte opposta alla facciata: il pilastro sinistro è a destra nella fotografia.

Contemporaneamente la torre si è inclinata verso l’interno dell’edificio, aprendo sulla facciata  sotto l’orologio una lunga fessurazione da trazione (linea verde continua in disegno 6a): la frattura potrebbe a prima vista sembrare insignificante rispetto a tante altre molto più vistose prodotte dal sisma, ma è invece una delle più pericolose (foto 3).

IMG_2760

Foto 3 – La frattura sulla facciata prodotta dalla inclinazione della torre verso l’interno dell’edificio

Infatti il risultato combinato dei due movimenti ha portato il campanile a vela in una condizione molto prossima al crollo (foto 4). Se questo si fosse verificato il campanile si sarebbe rovesciato sul tetto, sfondandolo; le travi della sua orditura sarebbero state spinte verso le facciate, provocandone il rovesciamento;  i frammenti della torre in caduta avrebbero sfondato tutti i piani dell’edificio danneggiandolo in modo probabilmente  irrecuperabile.

IMG_2839

Foto 4 – La parte superiore della torre vista da sinistra

Una nuova scossa avrebbe potuto facilmente innescare questo disastroso evento. Per evitarlo, sin dai primi giorni dopo il sisma, è stato prontamente allestito un ponteggio metallico a tubi e giunti (foto 5) che agganciava i due pilastri della cella campanaria e ne annullava la propensione a inclinare verso l’interno, grazie alla sua base allargata e ai contrappesi posti su di questa.

IMG_0053 tagliato

Foto 5 – Il ponteggio realizzato per impedire il rovesciamento del campanile sul tetto. Si notino i tre grandi cubi posti come contrappesi alla base del ponteggio

Il ricupero della torre non si presentava semplice. La prima idea fu quella di riportarla nella sua posizione originale. Per farlo la cosa più semplice era smontara e ricostruirla, ma ciò avrebbe implicato non solo costi elevatissimi, ma anche la perdita del manufatto originale. Si pensò allora di sollevare l’arco sommitale e la parte superiore dei pilastri di quel tanto necessario per ricostruire la base di questi e riposare infine la parte sollevata su un appoggio sicuro. La difficoltà di realizzare un’armatura che permettesse di sollevare l’arco che chiude superiormente la cella  campanaria senza frantumarlo portò però a scartare anche questa soluzione. Si optò infine per la stabilizzazione della torre nella posizione che aveva assunto dopo il sisma, impedendole ogni ulteriore rotazione. La soluzione si presentava non solo tecnicamente più semplice e meno costosa delle altre, ma aveva anche il vantaggio di mantenere la memoria dell’effetto dell’evento.

Per ottenere questo scopo si sono realizzati due diversi interventi:

E:MirabelloVILLA RILIEVO corr. coperto Model (1)

Foto 6a – Schema di inserimento delle barre d’acciaio nella torre campanaria a vela: vista frontale. Si notino le barre d’acciao che imperniano i due pilastri (linee blu) e quelle (linee rosse) che impediscono l’allargamento della frattura frontale (linea verde).

1)    Per bloccare un’ulteriore torsione della torre sull’asse verticale, ogni pilastro è stato imperniarono con una barra d’acciaio di 6 cm di diametro, lunga 10 m,  che va a incastrarsi sotto l’orologio nel muro di facciata (linee A blu foto 6a e b).

Schema barre campanile lato

Foto 6b – Schema di inserimento delle barre d’acciaio nella torre campanaria a vela: vista laterale

2)    Per impedire il rovesciamento verso l’interno:

a)  si sono inserite in diagonale due barre d’acciaio che legano i pilastrini posti ai lati della torre  con il centro della facciata sotto l’orologio (linee B rosse foto 6a e b);

b)    si è realizzata una struttura reggi-spinta in ferro nel sottotetto (foto 7-9).

IMG_4014

Foto 7 – La struttura reggi-spinta nel sottotetto: la parete in fondo è la faccia interna della vela campanaria. Si noti l’arco che la sorregge.

IMG_4016

Foto 8 – La struttura reggi-spinta: particolare del nodo di dsitribuzione del carico

IMG_4017

Foto 9 – La struttura reggi-spinta: vista laterale della parte superiore

La tendenza della torre a inclinare verso l’interno non è dovuta solo al sisma, ma è favorita da un errata progettazione del muro di facciata e del raccordo tra questo e i due muri di spina; errore che ha provocato l’apertura di due ampie fratture in questi ultimi (foto 10 e 11).  Le fratture sono state prima ricucite con rete in fibra di vetro,  previa stonacatura delle pareti interessate, e poi legate con catene in ferro.

Crepa 1 muro spina

Foto 10 – Frattura nel muro di spina destro sotto la torre campanaria prodotta dalla inclinazione di questa verso l’interno

Frattura muro spina

Foto 11 – Analoghe fratture nel muro di spina sinistro

Catena muro spina

Foto 12 – Rete in fibra di vetro che cuce e catena che lega la frattura della foto precedente

IMG_3978

Foto 13 – Montaggio delle barre verticali nella torre

IMG_3984

Foto 14 – Inserimento di un nuovo elemento nel carotatore

IMG_4024

Foto 15 – Pilastrino di sinistra: il punto di uscita della barra inclinata (linea B blu in foto 6a) dopo l’iniezione della calza che l’avvolge

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notizia dei nuovi articoli.

    Segui assieme ad altri 37 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: